Analizza l'acustica e le vibrazioni con l'Acoustics Module

Software per modellare il comportamento acustico di prodotti e progetti

È possibile modellare prodotti e progetti che coinvolgono fenomeni acustici per studiare e prevedere fattori come la qualità del suono e la riduzione del rumore. L'Acoustics Module è un componente aggiuntivo del software COMSOL Multiphysics® che fornisce strumenti per la modellazione di acustica e vibrazioni per applicazioni come altoparlanti, dispositivi mobili, microfoni, silenziatori, sensori, sonar e flussimetri. Potrete utilizzare le funzionalità dedicate per visualizzare campi acustici e creare prototipi virtuali di dispositivi o componenti.

Per studi più dettagliati, l'acustica può essere accoppiata ad altri fenomeni fisici, tra cui meccanica strutturale, piezoelettricità e fluidodinamica. Il software COMSOL® comprende accoppiamenti multifisici che permettono di valutare le prestazioni di un prodotto o di un progetto in un ambiente il più vicino possibile al mondo reale.

L'Acoustics Module include anche molte formulazioni specializzate e modelli di materiali, che si possono utilizzare per aree di applicazione dedicate: per esempio, l'acustica termoviscosa utilizzata nei trasduttori miniaturizzati e nei dispositivi mobili o le equazioni di Biot per la modellazione delle onde poroelastiche. L'ambiente multifisico viene esteso ulteriormente con diversi metodi numerici dedicati, tra cui il metodo agli elementi finiti (FEM), il metodo degli elementi al contorno (BEM), il ray tracing e il metodo degli elementi finiti Galerkin discontinui (dG-FEM).

Cosa puoi modellare con l'Acoustics Module

Espandendo la piattaforma COMSOL Multiphysics® con l'Acoustics Module, avrete accesso alle funzionalità specifiche per l'acustica e l'analisi vibrazionale in aggiunta alle funzionalità già contenute nel software COMSOL®.

L'Acoustics Module include strumenti per la modellazione:

  • Assorbitori
  • Cloaking acustico
  • Radiazioni acustiche
  • Streaming acustico
  • Microfoni
  • Dispositivi mobili
  • Comportamento modale delle stanze
  • Silenziatori
  • Applicazioni bioacustiche
  • Onde acustiche di bulk (BAW)
  • Acustica di sale concerti
  • Acustica convessa
  • Instabilità di combustione
  • Flussimetri di Coriolis
  • Acustica dell'abitacolo di un'automobile
  • Diffusori
  • Trasduttori elettroacustici
  • Flussimetri
  • Rumore trasmesso dal fluido
  • Interazione fluido-struttura (FSI) nel dominio delle frequenze
  • Apparecchi acustici
  • Risposta all'impulso
  • Rumore del jet
  • Altoparlanti
  • Sensori MEMS acustici
  • Microfoni MEMS
  • Strumenti musicali
  • Rumore e vibrazioni di macchinari
  • Isolamento e materiali per la riduzione del rumore
  • Test non distruttivi (NDT)
  • Esplorazione di petrolio e gas
  • Trasduttori piezoacustici
  • Silenziatori reattivi e assorbenti
  • Acustica di ambienti e edifici
  • Trasduttori
  • Sensori e ricevitori
  • Sonar
  • Onde acustiche di superficie (SAW)
  • Isolamento acustico
  • Vibroacustica
  • Woofers e subwoofer
  • Ultrasuoni
  • Flussimetri a ultrasuoni
  • Trasduttori a ultrasuoni
  • Acustica subacquea
Read More

Accoppiamenti multifisici

Inclusi nell'Acoustics Module

  • Interazione acustico-strutturale
  • Interazione acustico-strutturale nei materiali piezoelettrici
  • Interazione tra onde acustiche e poroelastiche
  • Interazione tra struttura e poroelasticità
  • Accoppiamenti acustici tra domini FEM e BEM
  • Interazione acustica-acustica termoviscosa
  • Interazione struttura-acustica termoviscosa
  • Interazione struttura-aeroacustica

Disponibili con moduli aggiuntivi

  • Interazione shell-acustica
  • Interazione shell-acustica termoviscosa
  • Propagazione del suono nei sistemi di tubazioni
  • Comportamento elettrico dei trasduttori tramite modelli a parametri concentrati
  • Comportamento elettrico di magneti, bobine e materiali in ferro dolce nei trasduttori
  • Flusso medio di background in aeroacustica
  • Interazione shell-onde poroelastiche
Un modello di acustica di una stanza per analizzare il comportamento modale di una stanza in COMSOL Multiphysics®. Il comportamento modale di una stanza viene studiato utilizzando un'analisi agli autovalori. Il modello include condizioni di impedenza complesse per modellare superfici assorbenti.
Un modello COMSOL per l'analisi dell'acustica nell'abitacolo di un'auto. La distribuzione del livello di pressione sonora nell'abitacolo di un'auto è generata da un piccolo altoparlante situato nel cruscotto. Nel modello di Pressure acoustics sono incluse le impedenze di superficie a valori complessi del rivestimento, del tappeto, della superficie in plastica e dei sedili.
Un modello multifisico per la progettazione e l'analisi di un trasduttore tonpilz. Progettazione e analisi di un array di trasduttori tonpilz utilizzato nelle applicazioni sonar. Il modello accoppia strutture in materiale piezoelettrico e l'acustica in acqua modellata con elementi al contorno. La sensibilità spaziale è facilmente calcolata e graficata.
Per modellare gli effetti della pressione acustica, come lo scattering, la diffrazione, l'emissione, la radiazione e la trasmissione del suono, è possibile utilizzare le interfacce Pressure acoustics. I problemi sono modellati nel dominio delle frequenze tramite l'equazione di Helmholtz o nel dominio del tempo tramite la classica equazione scalare delle onde.

Ci sono molte opzioni per tenere conto dei contorni nei modelli acustici. Ad esempio, è possibile aggiungere una condizione al contorno per una parete o una condizione di impedenza per uno strato poroso. Sorgenti come accelerazione, velocità, spostamento o pressione imposti possono essere applicate ai bordi esterni o interni. Inoltre, è possibile utilizzare le condizioni al contorno periodiche di Floquet o di radiazione per modellare contorni aperti o periodici.

Le interfacce fisiche Pressure acoustics possono essere utilizzate per modellare il comportamento della propagazione del suono in mezzi complessi, come materiali porosi. Diversi modelli di fluidi poroacustici, come i modelli Delany-Bazley o Johnson-Champoux-Allard (JCA), descrivono perdite in materiali porosi o fibrosi. I modelli di acustica narrow-region trattano le perdite termoviscose, associate a pareti rigide in piccole guide d'onda a sezione trasversale costante, in modo omogeneo.

Potrete inoltre calcolare e visualizzare il campo esterno in un modello con bordi aperti, includendo tutto, dal campo vicino al campo lontano. La sensibilità spaziale o la risposta spaziale possono essere visualizzate con grafici polari o grafici di direttività.

Interfacce Pressure acoustics (pressione acustica)

  • Pressure Acoustics, Frequency Domain
    • Risolve i problemi descritti dall'equazione di Helmholtz e include molte relazioni ingegneristiche per condizioni al contorno e modelli fluidi
    • Utilizza un'analisi agli autovalori per trovare modi e forme acustiche
  • Pressure Acoustics, Transient
    • Studia la propagazione transitoria delle onde acustiche usando segnali di input arbitrari dipendenti dal tempo
  • Boundary Mode Acoustics
    • Identifica e studia i modi di propagazione e di non-propagazione in guide d'onda e condotti
  • Pressure Acoustics, Boundary Element
    • Usa il metodo degli elementi al contorno per risolvere in modo efficiente i problemi di radiazione e dispersione
    • Si accoppia perfettamente a fisiche basate sulla modellazione FEM come strutture elastiche e materiali piezoelettrici
  • Pressure Acoustics, Time Explicit
    • Utilizza il metodo dG per modellare la propagazione transiente del suono nell'acustica della stanza o modellare i grandi problemi di scattering in modo computazionalmente efficiente

Aree di applicazione

  • Silenziatori
  • Altoparlanti
  • Radiazione di rumore dalle macchine
  • Acustica dell'abitacolo di un'auto
  • Comportamento modale nell'acustica della stanza
  • Assorbitori e diffusori
  • Problemi di dispersione
 

Utilizzando l'Acoustics Module, potrete simulare l'interazione tra l'acustica e la meccanica strutturale all'interno di un prodotto o di un progetto. Le interfacce predefinite consentono di studiare la vibroacustica e di accoppiare automaticamente domini fluidi e strutturali. L'interfaccia Solid Mechanics utilizza una formulazione dinamica strutturale completa che tiene conto degli effetti delle onde di taglio e delle onde di pressione nei solidi e analizza le onde elastiche. Un'interfaccia Poroelastic Waves dedicata viene utilizzata per modellare la propagazione accoppiata di onde elastiche e di pressione in materiali porosi risolvendo le equazioni di Biot. Gli accoppiamenti multifisici possono unire domini porosi, domini solidi, materiali piezoelettrici e domini fluidi per modellare il comportamento dei dispositivi nel mondo reale. Le strutture possono essere precompresse e il loro comportamento armonico può essere analizzato in pieno accoppiamento con l'acustica.

Aree di applicazione:

  • Interazioni di un silenziatore con vibrazioni strutturali
  • Componenti di altoparlanti
    • Armadi
    • Driver
  • Macchinari
  • Vibroacustica
  • Cuffie
  • Isolamento acustico e trasmissione del suono nei materiali da costruzione
  • Piezo-trasduttori
    • Trasduttori a ultrasuoni
    • Array lineari
    • Trasduttori sonar
    • Array sonar
  • Modellazione dettagliata di materiali porosi con onde poroelastiche (Biot)
  • Problemi di feedback
Un modello di interazione acustico-strutturale di una cassa per altoparlanti ventilata. Analisi nel dominio delle frequenze di un'unità di pilotaggio di un altoparlante ventilato per determinare la sensibilità in asse e la sensibilità spaziale. Il modello combina elementi shell strutturali e acustica e viene impostato utilizzando un accoppiamento multifisico predefinito.
Un modello COMSOL per analizzare la risposta in frequenza di un trasduttore tonpilz. La risposta in frequenza di un trasduttore tonpilz è studiata per trovare risposte acustico-strutturali: deformazione, sforzi, pressione radiata, SPL, andamento del fascio di campo lontano, curva di risposta della tensione di trasmissione e indice di direttività del raggio sonoro.
Le funzionalità di acustica geometrica del software COMSOL® possono essere utilizzate per valutare sistemi ad alta frequenza in cui la lunghezza d'onda acustica è inferiore alle lunghezze geometriche caratteristiche. Queste funzionalità sono utili per l'analisi acustica di abitacoli di automobili, stanze ed edifici come le sale da concerto, nonché per la modellazione della propagazione acustica subacquea e dell'acustica atmosferica.

Aree di applicazione

  • Acustica della stanza
  • Acustica della sala concerti
  • Acustica subacquea
  • Acustica dell'abitacolo di un'auto
  • Propagazione acustica esterna
  • Acustica atmosferica
Un esempio di simulazione ray acoustics in una sala da concerto utilizzando COMSOL Multiphysics® e l'Acoustics Module.

Simulazione dell'acustica di una piccola sala da concerto utilizzando l'interfaccia Ray Acoustics. Le condizioni al contorno includono l'assorbimento dipendente dalla frequenza e le proprietà di dispersione. Risposta all'impulso ricostruita utilizzando la funzionalità di postprocessing dedicata.

Un esempio di studio dell'acustica di una stanza utilizzando il software COMSOL.

L'interfaccia Acoustic Diffusion Equation risolve la distribuzione della SPL (densità di energia acustica) allo stato stazionario per una data sorgente sonora in una casa a 2 piani. Un solutore agli autovalori trova i tempi di riverbero della stanza. Uno studio tempo-dipendente trova le curve di decadimento energetico.

Grazie all'Acoustic Module potrete risolvere in modo efficiente i problemi di aeroacustica computazionale (CAA) con un approccio a due fasi disaccoppiato. Innanzitutto, viene calcolato il flusso medio di background utilizzando gli strumenti dal CFD Module o un profilo di flusso definito dall'utente; quindi, viene risolto il problema di propagazione acustica. A volte questo approccio viene anche definito come acustica convessa o simulazione del rumore trasmesso dal flusso.

Le interfacce predefinite possono calcolare variazioni acustiche in termini di pressione, densità, velocità e temperatura in presenza di qualsiasi flusso medio stazionario isotermo o non isotermo.

Esistono formulazioni agli elementi finiti stabilizzate per:

  • Navier-Stokes linearizzato
  • Eulero linearizzato
  • Flusso potenziale linearizzato

Le formulazioni descrivono facilmente il suono trasportato dal fluido, la convezione, lo smorzamento, la riflessione e la diffrazione delle onde acustiche dal flusso. Esiste anche una funzionalità per analisi FSI nel dominio delle frequenze con accoppiamenti predefiniti a strutture elastiche.

Aree di applicazione:

  • Rumore del motore a reazione
  • Silenziatori incluso flusso di background
  • Flussimetri
  • Flussimetri di Coriolis
  • Analisi di rivestimenti e perforati in presenza di flusso
  • Instabilità di combustione
 
Un modello aeroacustico per l'analisi di un risonatore di Helmholtz.

Analisi acustica di un risonatore di Helmholtz e effetto del flusso medio nel sistema, modellato utilizzando l'interfaccia Linearized Navier-Stokes, Frequency Domain. Il modello è in grado di cogliere gli effetti convettivi del flusso e l'attenuazione dovuti alla turbolenza.

Un modello di un condotto aerodinamico creato con il software COMSOL Multiphysics. Viene modellato il campo acustico di un condotto aerodinamico assialsimmetrico, generato da una sorgente di rumore posizionata al confine. I risultati della simulazione sono calcolati per condotti con e senza flusso di background irrotazionale comprimibile e pareti di condotto rigide e rivestite.

Per un'analisi accurata della propagazione acustica in geometrie di piccole dimensioni, è necessario tenere conto delle perdite associate alla viscosità e alla conduzione termica; in particolare, le perdite negli strati limite viscosi e termici. Questi effetti sono automaticamente inclusi nelle equazioni risolte dalle interfacce per l'acustica termoviscosa.

Queste interfacce sono adatte per la modellazione di vibroacustica in trasduttori elettroacustici miniaturizzati come microfoni, dispositivi mobili, apparecchi acustici e dispositivi MEMS. Per la modellazione dettagliata dei trasduttori è possibile utilizzare gli accoppiamenti multifisici predefiniti tra strutture e domini acustici termoviscosi.

L'interfaccia spiega gli effetti aggiuntivi, compreso il comportamento transitorio completo da adiabatico a isotermico a frequenze molto basse. Esiste inoltre un'interfaccia dedicata per il calcolo e l'identificazione di modalità di propagazione e di non-propagazione in condotti e guide d'onda sottili.

Aree di applicazione

  • Dispositivi mobili
  • Trasduttori miniaturizzati
  • MEMS
  • Apparecchi acustici
  • Microfoni
  • Perforati e piastre forate
Uno screenshot della GUI di COMSOL Multiphysics che mostra un esempio di modellazione acustica termoviscosa. Risposta di un ricevitore ad armatura bilanciata ED23146 di Knowles (altoparlante miniaturizzato) quando collocato in una configurazione di misurazione standardizzata. I risultati del modello si allineano molto meglio con l'impostazione Knowles quando si incorporano le perdite acustiche.

Le interfacce Ultrasound sono utilizzate per calcolare la propagazione transitoria delle onde acustiche su grandi distanze, rispetto alle lunghezze d'onda. I disturbi acustici con frequenze che non sono udibili dagli esseri umani sono classificati come ultrasuoni. Ciò implica che le onde ultrasoniche abbiano una lunghezza d'onda corta.

L'interfaccia Convected Wave Equation, Time Explicit viene utilizzata per risolvere problemi acustici lineari transitori di grandi dimensioni contenenti molte lunghezze d'onda in un flusso di background stazionario. È adatta per simulazioni tempo-dipendenti con sorgenti e campi arbitrari dipendenti dal tempo.

L'interfaccia è basata sul metodo dG e utilizza un solutore esplicito nel tempo, che è un metodo a basso consumo di memoria.

Aree di applicazione:

  • Flussimetri a ultrasuoni
  • Sensori a ultrasuoni con tempo di volo
  • Propagazione transitoria di segnali sonori in presenza di flusso
 

Funzionalità incluse nell'Acoustics Module

Esplora alcune delle caratteristiche chiave e delle funzionalità dell'Acoustics Module nelle sezioni seguenti.

Flusso di lavoro di modellazione intuitivo

Il software COMSOL® consente un flusso di lavoro coerente e intuitivo, indipendentemente dal fatto che si utilizzino soltanto COMSOL Multiphysics® e l'Acoustics Module o si scelga di combinare prodotti aggiuntivi dalla gamma di prodotti. Le fasi di modellazione sono semplici e includono:

  • Definizione della geometria
  • Selezione dei materiali
  • Selezione di un'interfaccia fisica adatta
  • Definizione delle condizioni iniziali e al contorno
  • Creazione automatica della mesh a elementi finiti
  • Risoluzione dei problemi fisici
  • Visualizzazione dei risultati

Funzionalità di interfacciamento per altre piattaforme software

Sia che desideriate utilizzare i dati di un foglio di calcolo o importare una geometria CAD complessa, è disponibile un prodotto di interfacciamento adatto alle vostre esigenze. Potete interfacciare il software COMSOL Multiphysics® con diversi strumenti di terze parti, come il software MATLAB®, il software Microsoft® Excel®, il software Inventor® e altri ancora, tramite i prodotti LiveLink™.

Studi e metodi numerici

I solutori e i metodi utilizzati per completare le analisi nel software COMSOL® sono flessibili ed efficienti. I problemi riscontrati nell'acustica coprono un'ampia gamma di frequenze. La complessità computazionale può essere altamente dipendente dalla formulazione acustica. Di conseguenza, nessun singolo metodo o tecnica numerica è adatto a tutti i problemi acustici.

L'Acoustics Module include quattro diversi metodi computazionali: FEM, BEM, ray tracing e dG-FEM, come descritto di seguito. Diversi tipi di studio completano le differenti formulazioni numeriche per consentire tutte le tipologie di analisi necessarie. Si hanno, per citarne alcuni, studi nel dominio delle frequenze, determinazione di frequenze proprie e studi transitori. I metodi iterativi dedicati consentono di modellare grandi problemi multifisici e multimetodo che coinvolgono milioni di gradi di libertà.

L'Acoustics Module include formulazioni basate su

  • FEM
    • Il metodo più comune e versatile che include la discretizzazione degli elementi di ordine superiore
    • Formulazioni implicite nel dominio delle frequenze e nel dominio del tempo
  • BEM
    • Formulazione integrale delle equazioni governanti che richiedono solo mesh superficiali
    • Offre funzionalità multifisiche complete per un accoppiamento perfetto con le strutture (solidi, shell, membrane) e domini acustici FEM
  • dG-FEM
    • Metodo dG esplicito nel tempo
    • Tecnica efficiente dal punto di vista della memoria per simulazioni transitorie di modelli di grandi dimensioni che includono molti milioni di gradi di libertà
  • Metodi Ray
    • Modellazioni acustiche ad alta frequenza, come per simulazioni subacquee e di acustica della stanza

L'Acoustics Module include i seguenti studi:

  • Dominio delle frequenze
    • Calcolo della risposta acustica su un intervallo di frequenze
  • Transitorio
    • Calcola il tempo di volo
    • Simula il tempo di accumulo transitorio
    • Analizza i segnali acustici a banda larga
    • Simula il comportamento non lineare
  • Frequenze proprie
    • Calcola i modi e le frequenze di risonanza di strutture e spazi chiusi
    • Estrae il fattore di qualità Q e il fattore di perdita
  • Analisi modale
    • Calcola e identifica i modi di propagazione e di non-propagazione in guide d'onda e condotti

Perdite acustiche

Includere perdite acustiche in un modello è molto semplice e vi consentirà di modellare, ad esempio, materiali porosi e fibrosi risolvendo la teoria di Biot tramite l'interfaccia Poroelastic Waves. In alternativa, i domini porosi si possono modellare con un approccio fluido equivalente utilizzando il modello materiale Poroacoustics in Pressure Acoustics. La funzionalità Poroacoustics include, ad esempio, i modelli Delany-Bazley, Miki e Johnson-Champoux-Allard. Le perdite e l'attenuazione possono anche essere incluse come espressioni definite dall'utente, modelli analitici o dati basati sulle misurazioni.

Modelli dettagliati che includono perdite termiche e viscose possono essere impostati con l'interfaccia Thermoviscous Acoustics. Essa include tutti gli effetti associati agli strati limite acustici viscosi e/o termici. Per modellare il loro smorzamento, potete accoppiare strutture vibranti semplicemente usando gli accoppiamenti multifisici integrati. In guide d'onda o strutture a sezione trasversale costante, si può ottenere un approccio semplificato basato sull'omogeneizzazione delle perdite dello strato limite utilizzando il modello materiale Narrow Region Acoustics in problemi di Pressure Acoustics.

Con le interfacce Linearized Navier-Stokes si può modellare in dettaglio l'attenuazione dei segnali acustici in viaggio attraverso un fluido in movimento che include gradienti di flusso e di temperatura elevati o turbolenza. Il flusso di background si può calcolare utilizzando le funzionalità del CFD Module.

 

Funzionalità elettroacustiche

Quando si modellano i trasduttori di tutti i tipi, le funzionalità incluse nell'Acoustics Module sono prontamente combinate con le funzionalità dell'AC/DC Module o del MEMS Module per creare modelli FEM multifisici completamente accoppiati. Ne sono esempi la modellazione dettagliata di magneti e bobine vocali nei driver degli altoparlanti o la modellazione delle forze elettrostatiche nei microfoni a condensatore. Nei sistemi di trasduttori elettro-meccanico-acustici, si possono utilizzare modelli a parametri concentrati per semplificare i componenti elettrici e meccanici. Entrambi gli approcci sono risolti con un accoppiamento completamente bidirezionale.

Le applicazioni includono, a titolo esemplificativo ma non esaustivo:

  • Modellazione di altoparlanti completamente accoppiati
  • Driver per altoparlanti
  • Accoppiamento di modelli a parametri concentrati a domini FEM
  • Uso dell'AC/DC Module per ottimizzare i componenti magnetici
  • Microfoni
  • Microfoni MEMS

Domini aperti e problemi di radiazione

Nello studio dell'acustica, spesso si presenta la necessità di simulare problemi aperti in cui le onde acustiche dovrebbero essere in grado di irradiare senza riflessioni: per esempio, la modellazione della sensibilità spaziale dei trasduttori o dei problemi di dispersione nelle applicazioni sonar. La modellazione di pareti non riflettenti può essere effettuata utilizzando tecniche e funzionalità diverse. Per problemi semplici esistono le condizioni di impedenza e di radiazione. Per modelli di radiazione complessi o fisica avanzata, può essere vantaggioso, al contrario, utilizzare un cosiddetto strato spugna.

L'Acoustics Module include diverse formulazioni utili a questo scopo:

  • Perfectly matched layers (PML), che possono essere applicati in tutti i modelli nel dominio delle frequenze
  • PML formulate per il dominio del tempo, disponibili per l'interfaccia Pressure Acoustics, Transient
  • I cosiddetti strati assorbenti (Absorbing Layers, ALs), disponibili per tutte le interfacce basate sulla formulazione dG-FEM e per l'interfaccia Linearized Euler

Utilizzando le funzionalità multifisiche per la modellazione con l'approccio ibrido FEM-BEM, i problemi aperti possono essere trattati in modo efficiente con BEM e con l'interfaccia Pressure Acoustics, Boundary Element.

 

Equation-based modeling: modifica delle equazioni governanti o impostazione di accoppiamenti multifisici definiti dall'utente

Per il pieno controllo delle simulazioni, è possibile utilizzare l'equation-based modeling per modificare le equazioni governanti e le condizioni al contorno direttamente all'interno del software, personalizzando ulteriormente i modelli per le proprie analisi. Ad esempio, potrete modellare una fisica che non è predefinita nell'Acoustics Module o impostare nuovi accoppiamenti multifisici. Sono consentite modifiche ai modelli materiali per simulare effetti non lineari aggiungendo o modificando relazioni costitutive. È anche possibile accoppiare le fisiche in modo non standard. Per esempio, potrete accoppiare l'acustica e la CFD per modellare lo streaming acustico o gli effetti non lineari del distacco di vortici generati dalle onde acustiche.

Come ulteriore vantaggio, utilizzando un approccio di equation-based modeling ed eliminando la necessità di codifica fondamentale, potrete aumentare notevolmente la flessibilità di modellazione e ridurre il tempo necessario per impostare le simulazioni.

App di simulazione: flusso di lavoro semplificato

Provate a pensare al tempo e all'energia che potreste dedicare a nuovi progetti se non doveste continuare a ripetere gli stessi test di simulazione per i membri del vostro team. Con l'Application Builder, integrato in COMSOL Multiphysics®, potrete creare app di simulazione che semplificheranno ulteriormente il flusso di lavoro della simulazione, consentendo di limitare gli input e controllare gli output del modello, in modo che i vostri colleghi possano eseguire in autonomia le proprie analisi.

Grazie alle app, potrete modificare facilmente un parametro di progetto, come il guadagno o la frequenza in un'antenna, e testarlo tutte le volte che vorrete senza dover ripetere l'intera simulazione. Potrete utilizzare le app per eseguire i vostri test più rapidamente o distribuire le app agli altri membri del vostro team perché possano svolgere i loro test, lasciando a voi tempo e risorse per altri progetti.

Il processo è semplice: * Trasformate il vostro modello complesso di acustica in una semplice interfaccia utente (un'app) * Personalizzate l'app in base alle vostre esigenze selezionando input e output disponibili per gli utenti dell'app * Utilizzate il prodotto COMSOL Server™ per catalogare le app e renderle accessibili agli altri membri del team * Consentite al vostro team di eseguire analisi sul progetto senza bisogno di ulteriore assistenza

Attraverso le app di simulazione potete estendere la capacità di eseguire simulazioni ai colleghi del vostro team, della vostra organizzazione o istituto, e anche ai vostri clienti e fornitori.

Un esempio di un'app creata con COMSOL Multiphysics e l'Acoustics Module. Un'app per l'analisi della riflessione acustica, creata con l'Application Builder in COMSOL Multiphysics e l'Acoustics Module.

Il prossimo passo?
Richiedi una Dimostrazione
del Software

Ogni esigenza di business e di simulazione è diversa. Per valutare se il software COMSOL Multiphysics® soddisfa o meno le vostre esigenze, non dovete fare altro che contattarci. Parlando con uno dei nostri tecnici commerciali, riceverete consigli personalizzati ed esempi completamente documentati per aiutarvi a ottenere il massimo dalla vostra valutazione e guidarvi a scegliere l'opzione di licenza migliore per soddisfare le vostre esigenze.

Basta cliccare sul pulsante "Contatta COMSOL", inserire i propri contatti ed eventuali commenti o domande specifiche, e inviare la richiesta. Riceverete una risposta entro un giorno lavorativo.